Anche l’Huntington caffè del 6 febbraio si è concluso ricco di esperienze ed emozioni.
La riunione si è tenuta sulla piattaforma zoom alle ore 16 con il solito clima empatico che ci mette a nostro agio, abbiamo raccontato le nostre esperienze.

S .parla un pò di sé, e racconta di quanto inizialmente è stato difficile affrontare la vergogna e la sensazione del sentirsi diverso, e di come crescere in un paese piccolo non abbia aiutato. con il passare del tempo ha nutrito il bisogno di parlarne, e nel suo cammino si ritrovò davanti a sé la sua tutor universitaria che utilizzando l’espressione “bastava dirlo” ha scaturito in lei energia positiva .S. oggi si sente libera! e riesce a parlarne con le persone giuste con l’adeguata emotività.

M. ascoltando l’esperienza di S aggiunge il suo pensiero, dicendo che ” Non è importante essere capiti ma è importante essere ascoltati.

Anche L. racconta la sua esperienza, dicendo che non ha provato vergogna , più che altro l’idea di apparire diverso lo infastidiva e A. aggiunge che anche la paura di non essere capiti o giudicati. Per L. accettare è stato difficile inizialmente.,ma dice : ci pensa il tempo … oggi anche lui riesce ad abbattere il taboo, rimanendo sorpreso dall’empatia che hanno avuto le persone a lui vicine.

M. aggiunge ogni cosa ha il suo momento , avere una testimonianza non è una cosa negativa ma può essere positiva.